Acqua ai neonati? “Sì dai sei mesi”

Quando occorre dare l’acqua ai neonati? Domanda ricorrente nelle chat di mamme e nei forum di genitori. Quale acqua si deve usare? Le tisane al finocchio o la camomilla vanno bene? I medici consigliano l’acqua dai sei mesi

Acqua ai neonati? "Si dai sei mesi"

In realtà i bimbi che vengono allattati esclusivamente al seno non hanno bisogno di acqua nei primi sei mesi perché il latte materno la contiene. È risaputo che quando il bambino inizia a ciucciare le prime gocce sono quelle più dissetanti. Per questo motivo non solo non c’è nessun bisogno di aggiungere altra acqua, ma sarebbe giusto che il lattante non assumesse altri liquidi che potrebbero dargli il senso di sazietà. Si rischia di instaurare cattive abitudini. Anche il latte in formula contiene per il 90% acqua.

«Il bambino allattato al seno, spiega la neonatologa Iwona Kazmierska, non ha bisogno di acqua nei primi mesi di vita. L’acqua si dà ai neonati dai sei mesi, ovvero da quando comincia a mangiare il cibo complementare. Quando diamo le pappe accanto mettiamo l’acqua in un bicchiere con il beccuccio così da potersi gestire. Il seno nutre e disseta allo stesso tempo».




Spesso le mamme scelgono autonomamente di dare qualche goccia di acqua ai piccoli soprattutto la notte sperando che non abbia numerosi risvegli. Ma non serve a regolare il sonno del bambino, e non lo aiuterà a dormire meglio.

È sempre meglio usare acqua oligominerale che garantisce i giusti contenuti di minerali ed è più controllata. Sì a far bere acqua ai neonati durante lo svezzamento perché cominciano a scoprire gusti nuovi e l’acqua aiuta a ingerire meglio ciò che mangiano, oltre ad avere la principale funzione dissetante. In questa fase i piccoli iniziano ad essere autonomi ecco perché è meglio fargli prendere confidenza con bicchieri o tazze adatti alla loro età.




Se inizialmente vostro figlio non ama l’acqua, non c’è da preoccuparsi, il bambino ha un periodo di adattamento alle nuove fasi quindi non bisogna mai forzarlo. Piano, piano vedendo anche gli adulti, comincerà a gustare e a richiedere l’acqua.

È consigliato cominciare con piccole quantità di acqua poi sarà il piccolo a imparare a buttarla in gola e fare sorsi più corposi. Se capita che il piccolo mentre beve inizia a tossire, non allarmatevi deve prendere confidenza con il nuovo alimento.

Lucia Porracciolo
Lucia Porracciolo

Laureata in Scienze della comunicazione, fissata con il giornalismo e con i profumi. Da qualche anno mamma di Ester e di Clarissa. Dopo un’esperienza di stage a Tv 2000, e dopo aver lavorato per anni alle Acli a Roma, ho deciso di tornare in Sicilia. Nel 2012 mi sono trasferita a Palermo dove collaboro con Tele Giornale di Sicilia e Giornale di Sicilia. Qui ho conosciuto l'amore della mia vita, Sli, oggi mio marito. Papà stupendo. Quando si diventa genitori si scoprono le priorità della vita, il dono e la magia di vivere e far vivere.

Privacy Policy