Seggiolini anti abbandono obbligatori; cosa c’è da sapere

Il 23 Ottobre è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale il nuovo decreto sui seggiolini auto, che obbliga il conducente dell’auto a montare un seggiolino antiabbandono se trasporta un bambino sotto i 4 anni di vita. Dopo 15 giorni entra in  vigore oggi 7 Novembre. Ecco cosa c’è da sapere su questo decreto per viaggiare tranquilli con un bambino in auto e non incorrere a sanzioni, perdita di punti e ritiro patente

Seggiolini antiabbandono obbligatori in macchina; ecco cosa c'è da sapere

Da alcuni anni le sempre più frequenti notizie di bambini dimenticati in auto hanno allarmato le autorità. Nella maggior parte dei casi queste tragedie sono avvenute per un black aut della memoria del genitore, per questo già da alcuni anni sono stati creati rimedi per ricordare ai genitori che nel seggiolino c’è un bambino. Dal 7 Novembre diventano obbligatori. Le varie case hanno creato molti dispositivi, dai cuscini al seggiolino, ma non sono pronti in ordine di numeri a soddisfare la grande richiesta di questi giorni. Quindi molte macchine rimarranno sprovviste. Per essere a norma quali sono le caratteristiche principali di questi dispositivi salvavita? Quale comprare?




Caratteristiche dispositivo anti abbandono

I dispositivi anti abbandono possono essere:

  • integrati nel seggiolino auto;
  • un accessorio da montare nel seggiolino esistente;
  • una dotazione del veicolo.

Le caratteristiche principali di un dispositivo anti-abbandono sono:

  • Deve potersi attivare automaticamente quando il bambino viene poggiato sul seggiolino auto
  • Deve avere segnali acustici o visivi visibili sia dall’interno che dall’esterno del veicolo
  • Essere conforme alle norme Ue sulla sicurezza dei prodotti e avere la marcatura CE
  • Deve poter inviare messaggi e chiamate in automatico
  • Se funzionante a batteria deve avere la spia per la batteria quasi scarica

Se leggiamo cosa dice la legge, molti dei dispositivi in commercio nn sono a norma di legge, ad esempio quelli che richiedono l’attivazione del Bluetooth che spesso è disattivato o i sensori che devono essere attivati manualmente o quelli che vanno a modificare la stabilità dei seggiolini auto già usati. Quindi quale dispositivo va comprato?

Partiamo con il dire che i dispositivi anti abbandono si dividono in universali o integrato nel seggiolino auto.




Dispositivi universali

Quelli universali si possono montare in qualsiasi seggiolino auto già esistente e possono essere spostati da un’automobile all’altra ma spesso le marche dei seggiolini auto sono omologate solo con sensori della stessa casa produttrice.


Ti può interessare anche: Sicurezza in auto: Quale seggiolino scegliere


Seggiolini auto con dispositivo integrato

Invece i seggiolini auto provvisti di sensore anti abbandono, oltre a restringere la scelta a pochi modelli, visto che solo poche marche li stanno producendo, possono avere una vita più breve. Infatti i dispositivi integrati per colpa della batteria, che come tutte le batterie prima o poi si usura e dura sempre meno, nn hanno una vita lunghissima e spesso non possono essere usati per i fratellini. Un altro punto a sfavore sono le app che vanno collegate tramite Bluetooth al cellulare (quindi dipendono dal nostro smartphone), che con il passare degli anni possono diventare obsolete.

Quindi quale dispositivo conviene comprare? Secondo noi i migliori sono quelli universali, che avvisano il genitore immediatamente prima che scende dalla macchina grazie al sensore che rileva il bambino seduto quando la macchina si spegne.




Qualche consiglio utile

A prescindere dal sensore o dal seggiolino che abbiamo montato nella nostra auto è bene prendere delle abitudini salvavita.

  • tenere la borsa sul sedile di dietro accanto al bambino
  • tenere la borsa del bambino sul sedile accanto al guidatore

Se mi fermano senza il dispositivo anti abbandono cosa succede?

La multa per i genitori, nonni, zii, che vengono fermati in macchina con un bambino sotto i quattro anni senza i dispositivi anti abbandono, va dai 80€ ai 326€, più la decurtazione di 5 punti dalla patente. Se la stessa infrazione viene fatta più di una volta nell’arco di due anni, c’è la sospensione della patente da 2 mesi a 15 mesi.

Luciana Campione
Luciana Campione

Sono una mamma che si divide, come tante altre, tra lavoro e famiglia. Amo molto viaggiare e l’arte. Quando ero in gravidanza ho capito che tutti i futuri genitori hanno bisogno di grande aiuto, consigli e sostegno. ProfessioneGenitori è nato dall'idea di creare un portale di professionisti che scrivono per informare i genitori in maniera semplice e diretta su tutto ciò che riguarda l'universo del bambino, dal concepimento fino al primo giorno di scuola. Come cofondatrice di ProfessioneGenitori, lavoro per aiutare e supportare tutti coloro che intraprendono questo straordinario viaggio per diventare mamma e papà.

Privacy Policy