Aumento di peso in gravidanza, quanti chili dovrò prendere?

Sei incinta e non sai quanto chili dovrai prendere? Vediamo quali fattori entrano in gioco nell’aumento del peso durante la gravidanza.

aumento peso gravidanza

L’aumento di peso in gravidanza è determinato dallo sviluppo del bambino, della placenta e di alcuni organi quali i seni e l’utero.

Un’alimentazione corretta è fondamentale per controllare il peso nelle 40 settimane di gravidanza e mantenere la futura mamma e il suo bambino in buona salute.

Una domanda frequente che le gestanti mi rivolgono riguarda il giusto numero di kg da prendere durante la gravidanza.

A tale proposito è bene chiarire che non vi sono delle regole assolute, ma ogni donna ha un limite da rispettare che dipende dal suo peso di partenza.

Per stabilire questo limite le linee guida del Ministero della Salute ci impongono di fare riferimento all’Indice di Massa Corporea al concepimento.

Una donna normopeso avrà un aumento di peso corretto se non supera i 12 – 13 Kg, se è in sovrappeso  i 7 – 11 Kg , se è sottopeso i 14 – 16 Kg .

La donna obesa che intraprende una gravidanza non dovrebbe incrementare ulteriormente il proprio peso.




L’incremento di peso durante gravidanza

L’incremento medio ideale per una donna normopeso al concepimento dovrebbe seguire questo andamento: 1 kg nel  primo trimestre, 4 Kg a 20 settimane,  8 Kg a 30 settimane e non più di 12 Kg al termine della gravidanza.

Le regole per una corretta alimentazione in gravidanza sono le stesse degli altri periodi della vita di una donna ed il mio consiglio è di seguire lo stile di vita di tipo mediterraneo.

Il compito del nutrizionista è anche quello di rendere la futura mamma consapevole dei rischi che comporta un aumento di peso oltre i limiti raccomandati.

Il diabete in gravidanza (gestazionale) e la preeclampsia (o gestosi) sono solo alcune patologie che la donna può sviluppare se non tiene d’occhio il proprio peso mentre è incinta.

L’eccessivo incremento di peso della mamma può influenzare anche quello del bambino (una condizione definita macrosomia fetale che si verifica quando il bambino supera alla nascita i 4 kg).

Questa condizione può rendere difficoltoso il parto naturale ed è caratterizzata da un aumento della mortalità infantile nei primi giorni di vita.

I bambini che nascono con un peso importante hanno maggiore possibilità da adulti di sviluppare malattie metaboliche come il diabete e di essere obesi.

Per tali motivi durante la gravidanza è importante affidarsi ai consigli del nutrizionista per salvaguardare la salute di mamma e bambino.

Valeria Gargano
Valeria Gargano

Biologa Nutrizionista

Mi sono laureata in Biologia nel 2008 e ho subito intrapreso la carriera lavorativa collaborando a molti progetti di ricerca, anche internazionali, in ambito di sanità animale e sicurezza alimentare. Nel 2015 ho conseguito con grande entusiasmo il diploma di Specializzazione in Scienze dell’Alimentazione presso l’Istituto di Fisiologia e Nutrizione Umana della facoltà di Medicina dell’Università degli studi di Palermo per diventare Nutrizionista Da sempre sono appassionata allo stile di vita Mediterraneo, non soltanto inteso come modello di corretta alimentazione, ma come rito di convivialità, rispetto delle tradizioni e amore per la propria terra e la buona cucina. Questa passione, unita alla mia ferma convinzione che una buona preparazione non possa mai prescindere da un continuo e costante studio, mi hanno spinta a seguire un corso universitario per diventare esperta della Dieta Mediterranea. La collaborazione in Professione Genitori nasce dalla mia fortissima attitudine per il ruolo di educatrice alimentare: una figura che guida tutta la famiglia verso la scelta di una corretta alimentazione come strumento indispensabile di benessere fisiologico e di prevenzione primaria. cell. +39 348 891 6960 | email. gargano.valeria@gmail.com

Privacy Policy