Yoga in gravidanza, aiuta a rilassarsi

Yoga in gravidanza per ritagliare un po’ di tempo per sé e dedicarsi al benessere fisico e psichico. Non ci sono rischi per la donna incinta, se praticato in maniera dolce e attenta, ma solo benefici

Yoga in gravidanza, aiuta a rilassarsi

Lo yoga in gravidanza è una buona tecnica per rilassarsi e preparare il fisico al parto. Quest’attività fa bene alla mamma e anche al feto che sente gli umori intorno a sé, inoltre lo yoga aiuta a stabile un contatto con il piccolo in pancia e a conoscere meglio le parti del proprio corpo. L’ostetrica Marzia Floridia da anni segue le mamme in attesa e con loro si dedica a diversi momenti di yoga.

«Le tecniche respiratorie, spiega l’ostetrica indipendente Marzia Floridia, oltre a stabilizzare l’umore, sono di grande beneficio per affrontare al meglio il parto e il suo post. Mi piace dire che è una psico profilassi ottima che coniuga sia l’aspetto psicologico che fisico di una mamma che si accinge a partorire».

Durante la gravidanza, le tecniche respiratorie (pranayama), le posizioni (asanas) e la meditazione alleviano i dolori tipici della gravidanza come per esempio gonfiore, crampi, vene varicose, nausea. Gli esercizi permettono di dare energia alla mamma e la meditazione di mettersi in contato con il piccolo in grembo.

«Lavoriamo sul piano emotivo, sul piano fisico e uniamo. In genere aiuto le mamme dando specifiche indicazioni durante la lezione. Ci sono delle parole che vengono sussurrate per indurre il rilassamento. Obiettivo è imparare a gestire la respirazione e sentire ogni singola parte del loro corpo».

Su cosa si concentra il lavoro dello yoga in gravidanza

«Si lavora sul perineo, spiega l’ostetrica Floridia, sulla respirazione, sulla psiche della mamma. Saper respirare è importante perché nel petto sono racchiuse le ansie, le paure e muovendo la parte superiore con la respirazione si scuote tutta una serie di sensazioni positive. Poi di solito nei mie incontri, spiega Marzia Floridia, si riflette sulle emozioni che emergono e si lavora su quelle.

Ritengo poi che lo yoga fatto da un ostetrica è un lavoro completo per le donne incinte perché, di volta in volta, la specialista lo arricchisce con le nozioni che servono in quel momento di preparazione».

Lo yoga è una tecnica indiana che coniuga proprio corpo e mente e fornisce a chi lo pratica degli strumenti per imparare a rilassarsi. Nel caso di una gravida lo yoga lavora sulle trasformazioni corporee e sull’adattamento psicologico al nuovo stato. Durante l’attesa le donne si stressano facilmente e hanno un umore variabile per via degli ormoni. Praticare yoga aiuta la futura mamma a mettersi in ascolto del proprio corpo, un corpo che va preparato fisicamente al grade evento della nascita.

«Si lavora molto fisicamente perché ricordiamoci che un travaglio dura ore e il fisico deve essere forte, allenato, deve poter resistere e sentirsi pronto per accogliere la nuova vita. Spesso durante i travagli le mamme cedono perché arrivano stremate, ma è in quei momenti che possono concentrarsi e ricordare il benessere indotto dallo yoga. Possono far tesoro di quello che facciamo durante gli incontri».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui