Come conservare il latte materno.

Ecco le indicazioni della Organizzazione Mondiale della Salute su come conservare correttamente il latte materno a casa.

come-conservare-il-latte-materno
Conservare il latte materno

Ci sono diversi motivi per cui una mamma può avere bisogno di conservare il suo latte:

  • rientro al lavoro a breve
  • impegni che prevedono una separazione dal bambino
  • abbondante produzione
  • bambino piccolo
  • gemelli

In tutti questi casi è importante che la mamma conosca le modalità di corretta conservazione per preservare la qualità di questo eccezionale alimento.

Il latte materno spremuto per un bambino sano che si trova a casa può essere conservato anche per qualche ora a temperatura ambiente :

  • per 4 ore se la temperatura è tra 25 – 37°C°
  • per 8 ore se la temperatura è tra 15 – 25 C°
  • per 24 ore se la temperatura è sotto i 15 C° .

Il latte materno non deve essere mai conservato ad una temperatura superiore di 37 C°.

Nel frigorifero a 2- 4 C° il latte materno spremuto può essere conservato fino a 8 giorni.

I contenitori con il latte materno ben chiusi devono essere collocati in fondo al frigo e lontano dallo sportello.

Se il frigorifero non ha la temperatura costante, per esempio a causa di frequenti aperture dello sportello, meglio usare il latte entro 3 giorni dalla spremitura.

Il latte materno refrigerato si può trasferire nel freezer entro 3 giorni dalla raccolta.

Nel congelatore verticale il latte materno congelato a temperatura -12°C circa può essere conservato per 4 mesi . Nel freezer a pozzetto che assicura la temperatura -18/20 °C il latte materno può essere conservato per 6-12 mesi .

Il latte materno scongelato può essere conservato in frigorifero solo per 24 ore.

NON DEVE ESSERE MAI RICONGELATO. Se non utilizzato entro 24 ore va buttato via.

 

Come raccogliere il latte?

Spremendo manualmente o con aiuto del tiralatte.

E’ possibile aggiungere il latte nello stesso contenitore?

Si , si può raccogliere il latte a più riprese nelle 24h . Dopo ogni raccolta chiudere il contenitore con l’attenzione, raffreddarlo sotto il getto di acqua fredda e conservare nel frigo.

Sarà utile mettere sul contenitore l’etichetta con la data e l’ora dell’inizio della raccolta.

Quali contenitori usare per conservare il latte materno?

Quelli in vetro o plastica dura (polipropilene).

E’ sconsigliato invece l’uso dei sacchetti di plastica morbida, si rompono facilmente e inquinano, oltre a trattenere i preziosi grassi del latte.

Come scongelare il latte?

Lentamente durante la notte nel frigo, più velocemente a temperatura ambiente o in un recipiente con acqua calda , o nell’urgenza sotto il getto dell’acqua corrente tiepida.

Fare attenzione di non bagnare l’apertura del recipiente per evitare infiltrazioni d’acqua all’interno dei contenitori.

Come riscaldare?

Lentamente a bagnomaria o nel scaldabiberon. Mai nel forno a microonde! Si perde la parte cellulare“viva” del latte e si possono provocare le ustioni da non uniforme distribuzione del calore.

Quale latte consumare per prima?

Quello raccolto e conservato per prima.

E cosa fare con il latte in più?

Avete pensato mai di donarlo? Vedi Banca del Latte Umano Donato.

Iwona Kazmierska
Iwona Kazmierska

Dott.ssa Iwona Kazmierska Pediatra, neonatologo presso UTIN dell’Ospedale Buccheri la Ferla, Palermo Fondatrice della Banca del Latte Umano Donato di Palermo IBCLC Formatore della Rete Italiana Formatori Allattamento Materno Valutatore UNICEF “ Insieme per l’Allattamento: Ospedali & Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento materno”

Privacy Policy