Covid-19, quello che c’è da sapere

0
622
Covid-19, quello che c'è da sapere
Covid-19, quello che c'è da sapere

In questi giorni di attesa del superamento dell’emergenza causato dal Covid-19 sarà capitato a tutti, di fronte al proprio smartphone, di chiederci quale sia la battaglia che stiamo combattendo, di quali siano i rischi per i nostri bambini e come affrontare nella quotidianità familiare il tema sul coronavirus. Con questo articolo abbiamo messo insieme tutte le informazioni di pertinenza scientifica inerenti all’emergenza che stiamo vivendo.

Per coronavirus intendiamo una famiglia di virus che possono colpire l’uomo provocando un semplice raffreddore, influenza, o sindromi respiratorie più o meno gravi. Il virus Sars-Cov-2 è responsabile del Covid-19, nasce in Cina all’inizio del 2020 per cause ancora sconosciute. Il Covid-19 dunque fa parte della famiglia dei Coronavirus per la quale, ad oggi, non esiste un vaccino utile a prevenirlo e una cura utile a combatterlo in caso di contagio.

Il virus Covid-19 si trasmette attraverso le mani contaminate (non lavate) che toccano bocca, naso, occhi. E’ facilmente trasmissibile in ambienti chiusi attraverso i contatti che avvengono tra le persone con le goccioline emesse dagli starnuti o dalla tosse. Ad oggi non vi è alcuna evidenza per ciò che riguarda la trasmissione del virus per via aerea.

La trasmissione può avvenire tra persone indipendentemente dall’età del soggetto, per questo esistono casi di contagio tra i bambini come tra gli anziani. Fortunatamente nei bambini i sintomi del contagio sono blandi; si limitano a febbre e tosse, in qualche caso più raro si presenta con raffreddore, vomito o diarrea.

Parlare ai più piccoli di cosa sta avvenendo in questo periodo è la cosa più giusta da fare. Approfittate di questo periodo per vivere la famiglia come non avete mai fatto prima.

Per quanto riguarda la paura, lecita, di molte neo mamme che possano aver contratto il virus, i medici consigliano di iniziare/proseguire con l’allattamento al seno o con latte materno spremuto. Non esiste ragione alcuna di non concedere questo dono al proprio bambino.

Per le mamme che dovessero contrarre il virus durante la gravidanza, contrariamente ad altri virus, il Covid-19 non sembra avere un decorso più grave rispetto alla popolazione generale. Dai casi studiati (pochi), ad oggi, sembra che si possa escludere la possibilità di trasmissione dalla madre positiva al figlio in grembo.

Purtroppo non esiste ancora una cura preventiva o un vaccino. E’ utile seguire le istruzioni del Ministero della salute applicando le misure di prevenzione. Le misure base prevedono di lavare spesso le mani, limitare le uscite ad un componente per famiglia per l’approvvigionamento dei viveri indossando guanti e mascherina, stare a casa limitando le possibilità di incontri con altri individui.

#iorestocasa non deve essere uno slogan per abbellire i propri profili social, è un modo corretto di comportarsi nel rispetto di quei soggetti che rischiano, contraendo il virus, di perdere la propria vita. Si tratta di soggetti che hanno qualche patologia pregressa e, molto spesso, in avanti con l’età. Potrebbero essere i vostri genitori, i vostri zii, i vostri nonni. Pensate a loro quando non abbiamo un comportamento corretto nella prevenzione al virus Covid-19.

Articolo precedenteMontessori; la stanza del bambino
Prossimo articoloCome fare una mascherina in casa
Sono una mamma che si divide, come tante altre, tra lavoro e famiglia. Amo molto viaggiare e l’arte. Quando ero in gravidanza ho capito che tutti i futuri genitori hanno bisogno di grande aiuto, consigli e sostegno. ProfessioneGenitori è nato dall'idea di creare un portale di professionisti che scrivono per informare i genitori in maniera semplice e diretta su tutto ciò che riguarda l'universo del bambino, dal concepimento fino al primo giorno di scuola. Come cofondatrice di ProfessioneGenitori, lavoro per aiutare e supportare tutti coloro che intraprendono questo straordinario viaggio per diventare mamma e papà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui