Morte in culla: come prevenirla

“Ci sono regole d’oro per l’accudimento del bebè che se seguite riducono drasticamente il rischio della morte in culla”. Lo spiega Raffaele Pomo, neonatologo  presso l’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo, responsabile del centro regionale delle SIDS apnee Sicilia.  Oltre a essere uno specialista ha una grande esperienza infatti è padre di Daniela, Stefania e Alessandra 

Morte in culla: come prevenirla

Come vestire i neonati, quale temperatura avere in casa, come farli dormire? Domande importanti per il benessere del neonato che dopo aver trascorso nove messi dentro la pancia, dove si trova nelle condizioni ottimali con la giusta temperatura e con le coccole di mamma deve abituarsi alla nuova vita. Un passaggio drastico che quindi deve essere  meno invasivo possibile e meno problematico per il piccolo.

Quante volte i genitori si ritrovano a guardare insistentemente il figlio mentre dorme e attendono un respiro evidente, un piccolo movimento per essere certi che sta respirando? Questa è abitudine comune a molte mamme. Bisogna quindi garantire ai piccoli un sonno sicuro. Infatti, la morte improvvisa del lattante detta anche morte bianca o morte in culla, o indicata col termine anglosassone di SIDS (Sudden Infant Death Syndrome), rappresenta di certo la principale fonte di preoccupazione dei genitori che, terrorizzati, osservano e sorvegliano scrupolosamente i propri figli riposare beati nella loro culletta. La SIDS Come già detto rappresenta la prima causa di morte di bambini nati sani nel primo anno di vita. L’incidenza varia da 0,5-1 casi su 1000 ed è variabile da Paese a Paese. La maggior parte dei casi si verifica nei primi sei mesi di vita, ma la fascia di età a rischio è quella compresa tra i 2 ed i 12 mesi.

Ancora oggi non è stata riconosciuta alcuna causa responsabile della morte improvvisa del lattante.

Negli anni sono stati individuati possibili fattori di rischio che sembrerebbero favorire i casi di morte in culla. Ecco alcuni accorgimenti utili per combattere la SIDS:

  • Non fumare ne prima ne dopo la gravidanza e non far fumare chi è intorno,
  • L’allattamento materno aiuta a prevenire la morte in culla,
  • La posizione supina del bambino è quella corretta, no a pancia in giù o neonato di fianco,
  • Oggetti all’interno della culla come peluche e coperte ingombranti,
  • La temperatura dell’ambiente deve essere adeguata.

In questo video, alcuni consigli da seguire.

Lucia Porracciolo
Lucia Porracciolo

Laureata in Scienze della comunicazione, fissata con il giornalismo e con i profumi. Da qualche anno mamma di Ester e di Clarissa. Dopo un’esperienza di stage a Tv 2000, e dopo aver lavorato per anni alle Acli a Roma, ho deciso di tornare in Sicilia. Nel 2012 mi sono trasferita a Palermo dove collaboro con Tele Giornale di Sicilia e Giornale di Sicilia. Qui ho conosciuto l'amore della mia vita, Sli, oggi mio marito. Papà stupendo. Quando si diventa genitori si scoprono le priorità della vita, il dono e la magia di vivere e far vivere.

Privacy Policy