Curarsi con gli oli essenziali, preziosi doni della natura

Gli oli essenziali sono sostanze dalle proprietà spesso poco note, estratte dalle piante aromatiche, conosciute fin dall’antichità. Sono toccasana per la salute di tutta la famiglia e per le donne in particolar modo. Oggi l’aromaterapia è la branca della fitoterapia che cura le malattie e preserva la salute e il benessere, sfruttando le virtù degli olii essenziali, estratti dalle piante

Curarsi con gli oli essenziali, preziosi doni della natura

Gli oli essenziali o oli eterici sono prodotti naturali, ottenuti per estrazione a partire da materiale vegetale ricco in “essenze” appartenente alle erbe e piante medicinali, cosiddette “aromatiche”. Una volta estratti, si presentano come sostanze oleose, liquide, volatili, e profumate come la pianta da cui provengono.

Scoprirne usi e virtù è sinonimo di amore e cura per il proprio corpo e per la natura. Marzia Floridiaostetrica ed esperta di oli essenziali, ne descrive i principali utilizzi.

Gli oli essenziali contenuti all’interno delle piante, perché sono cosi preziosi?

«Gli oli essenziali svolgono molteplici funzioni, per mezzo di sollecitazioni chimiche-ormonali. In particolar modo essi:

  • Attraggono gli insetti impollinatori responsabili del trasporto del polline da un fiore all’altro, attraverso l’odore che simula quello degli ormoni sessuali secreti dagli insetti.
  • Conservazione della specie mediante l’antagonismo tra vegetali differenti: attraverso la pioggia, gli olii essenziali si posano e penetrano nel terreno, impedendo a piante diverse di germogliare, preservando così la propria specie
  • Difendere dai parassiti, attraverso l’azione ormonale che l’essenza svolge sull’organismo degli insetti
  • Proteggere dalle infezioni di batteri funghi e muffe, favorendo anche la cicatrizzazione dei tessuti vegetali lesionati».

Perché gli oli essenziali sono cosi profumati? Cosa accade al nostro corpo?

«Quando annusiamo il profumo emanato da una pianta, le molecole aromatiche raggiungono la nostra mucosa olfattiva, in cima alla cavità nasale. Queste cellule olfattive trasformano l’odore, lo stimolo chimico, in impulso elettrico. Tale impulso raggiunge così il cervello, dove si lega a una precedente impressione olfattiva, richiamando emozioni più o meno belle.

L’inalazione è perciò l’applicazione più diretta e immediata, in quanto le stimolazioni olfattive sono le sole a passare direttamente nella corteccia cerebrale, senza essere filtrate dal centro recettore del talamo. Questo spiega come mai un odore o un profumo possa evocare istantaneamente ricordi estremamente vivi di esperienze vissute. Per questa ragione, in aromaterapia sottile, gli olii essenziali vengono impiegati per riequilibrare la sfera psichica ed emozionale.

Una volta inalati raggiungono i polmoni, penetrano nei capillari posti sotto la loro superficie e, attraverso questi, si diffondo nei vasi sanguigni maggiori, che le distribuiscono a tutto l’organismo».

Quali sono le funzioni principali degli oli essenziali?

«Le applicazioni degli oli essenziali nascono dall’osservazione del comportamento delle piante che li producono e dalle funzioni che su queste svolgono. Gli oli essenziali sono potenti rimedi che hanno indicazioni molto diverse fra loro e possono rappresentare un valido rimedio per stimolare il nostro sistema immunitario e proteggerlo dagli attacchi esterni di batteri e virus di stagione.

Durante i miei viaggio/lavoro in Cina, ho avuto modo di notare che i medici utilizzavano gli olii essenziali sia prima del parto, per far rilassare le future mamme, sia durante il parto attraverso un massaggio alla schiena».

Quali oli essenziali consiglia di portare sempre con sé? Quali influiscono sulla nostra salute?

«Tra gli oli essenziali, non dovrebbero mai mancare nell’armadietto di casa, soprattutto per una donna, il tea tree oil, la calendula e l’origano: sono gli oli base per mantenere in salute ed assicurare un’ottima igiene dei propri genitali e per la cura di parecchie patologie,  una su tutte la candida. Oltre a questi, importanti e utilissimi per diverse funzioni sono:

  • L’eucalipto: un vero toccasana contro il raffreddore. Provate ad aggiungere qualche goccia di olio essenziale in una ciotola di acqua calda e poi respiratene il vapore. Oppure diffondete il suo profumo nelle camere tramite un diffusore apposito.
  • La lavanda: ottima contro l’ansia per dormire meglio. Ma non solo: il fiore ha anche proprietà analgesiche, anti-infiammatorie, antivirali e può aiutare a guarire più velocemente le ustioni e le punture di api.
  • Il rosmarino: ottimo stimolante, regala energia e combatte la stanchezza. Utile anche contro gli inestetismi della cellulite

Fondamentale, in tutti i casi di utilizzo, l‘olio vettore da aggiungere alle gocce di olio essenziale.

Floriana Lo Bue
Floriana Lo Bue

Classe '89, una laurea in comunicazione e una in Relazioni internazionali, durante gli studi trascorro il mio tempo tra Verona, Milano e gli States. Innamorata di Palermo, decido di tornare in Sicilia e dedicarmi alle mie più grandi passioni: il giornalismo e il mondo del turismo. Prossima al lancio di un'attività ricettiva, nel tempo libero amo viaggiare, dedicarmi agli affetti e divorare libri.

Privacy Policy